Cerca
  • Dott.ssa Nunziante

Psicologia della coppia: tradimento e rottura

Nei precedenti articoli abbiamo visto come la relazione instaurata durante i primi anni di vita con le figure d'attaccamento possa essere correlata alle successive relazioni interpersonali e abbiamo approfondito le fasi attraverso cui si sviluppa un legame di coppia, nonchè le correlazioni tra i pattern di attaccamento infantile e le modalità relazionali che si attuano da adulti.

Abbiamo visto come per molte persone sia difficile staccarsi da situazioni relazionali, anche laddove esse provochino una significativa sofferenza, proprio per la strutturazione di un legame di attaccamento con il partner.



Il vissuto della rottura della relazione sarà diverso a seconda dell'attaccamento che si è configurato. Se per le coppie con attaccamento sicuro la rottura viene vissuta con sentimenti adeguati, non si può dire lo stesso per gli altri pattern, poichè in presenza di un attaccamento evitante sarà probabile l'emergere di sensazioni di sollievo dovute all'allontanarsi di quelle richieste di amore profondo che costituivano per il soggetto una pressione insopportabile; mentre in presenza di un attaccamento ambivalente la fine della relazione produrrà un completo sconvolgimento.


Oggi ci occuperemo della rottura del legame d'attaccamento della coppia, e in particolare di quella rottura che avviene in conseguenza di un tradimento.

Il tradimento è formato da due elementi fondamentali: da un lato c'è il danno inferito alla vittima, dall'altro c'è la presenza di un rapporto. Perchè si verifichi un danno è necessario che vi sia un rapporto di una certa intensità che viene danneggiato, e solo quando il danno e l'offesa verso la vittima sono in grado di far vacillare il significato del rapporto potremo parlare di tradimento.

Ciò che viene messo in crisi nella coppia è il “noi”, l’esclusività del rapporto su cui i partner hanno fondato il proprio legame. Il tradimento è quindi un atto relazionale, in cui a essere deluse sono fiducia e aspettative.

Il tradimento si configura come un vero e proprio trauma per la vittima poichè produce un senso di smarrimento talmente intenso che alcune persone cominciano a pensare di avere qualcosa di sbagliato, di non essere abbastanza giuste.

Vengono spesso rilevati nella vittima sintomi che si associano alla sindrome post traumatica da stress. Si parla di “Post Infidelity Stress Disorder”: la persona tende a rivivere ripetutamente il trauma (per esempio la scena del momento in cui ha scoperto del tradimento, oppure torna in modo ossessivo a ricordare le situazioni precedenti alla scoperta/svelamento, in cui veniva presumibilmente ingannata, etc.), potrebbe sperimentare apatia, difficoltà di concentrazione, ipervigilanza e perdita di sonno. L’autostima può subire un duro colpo. Rabbia, gelosia, odio e senso di abbandono, sono solamente alcune delle reazioni emotive più comuni.

Anche il traditore, d'altro canto, potrebbe vivere emozioni negative: senso di colpa, vergogna e paura.

L’effetto più pericoloso di un tradimento è costituito dal profondo senso di sfiducia che si struttura nella vittima, che a causa di quest’esperienza potrebbe perdere la fiducia anche verso altre persone, determinando un impatto molto forte sulla sua vita e sul suo futuro. Diventa, dunque, necessario identificare delle risorse per elaborare la situazione. Alcune strategie potrebbero essere queste:

  • Valutare la situazione dandole il giusto peso

  • Non colpevolizzarsi. Non assumerti responsabilità che corrispondono ad altre persone

  • Accettare. La negazione non permette di andare avanti: la cosa migliore da fare è accettare ciò che è successo e cercare di capire se esiste una soluzione.

  • Prendersi del tempo per se stessi, per imparare ad amarsi, per lasciare che l’impatto negativo iniziale dia spazio a una visione più lucida della situazione.

  • Cercare il cammino del perdono. Perdonare non significa accettare e fare finta che non sia accaduto nulla. Piuttosto, si tratta di ricongiungersi con sé stessi e imparare a lasciarsi alle spalle i fatti, vivendo serenamente il futuro, un futuro in cui la persona che ha tradito potrebbe esserci oppure no. Il perdono è un atto più intimo e personale di quanto si creda. Riguarda più se stessi che gli altri.

La ferita da tradimento è profonda, guarisce in modo molto lento, ma non deve generare un trauma permanente. La persona tradita ha un obbligo verso sé stessa: recuperare l’equilibrio e andare avanti.


#psicologia#psychology#psicologafoggia#psicologofoggia#psicologa#foggia#emozioni#amarsi#salutementale#mentalhealth#coppia#amore #tradimento




0 visualizzazioni
  • LinkedIn Icona sociale
  • Black Icon Instagram
  • Black Facebook Icon
  • Pinterest Icon sociale

© 2023 by Nunziante Veronica

 P.IVA 04191230715 

Le informazioni fornite in questo sito riguardano il benessere della persona, sono di natura generale e a scopo esclusivamente divulgativo, e non possono sostituire in alcun caso una consulenza professionale.

Non è consentito copiare, alterare, distribuire, pubblicare o utilizzare su altri siti questi contenuti senza autorizzazione specifica dell'autrice. 
Se involontariamente trovaste in questo sito materiale coperto da copyright o in violazione delle norme vigenti, siete pregati di comunicarlo a veronicanunziante29@gmail.com e si provvederà alla rimozione dello stesso.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now