Cerca
  • Dott.ssa Nunziante

LITIGARE CON IL PARTNER MANIPOLATORE: le strategie e le motivazioni

Aggiornamento: ott 16

Avere una relazione con un fidanzato (o una fidanzata) che tende a voler manipolare gli altri è una delle esperienze più paradossali e dolorose che ognuno di noi possa vivere.



Innanzitutto bisogna fare una premessa: i manipolatori amano litigare, anche se dicono il contrario. Perché lo fanno? La risposta è molto semplice: il litigio spesso consente alla persona di trattenere l'altro sul filo del rasoio, in balia delle sue strategiche offese, e gli permette di produrre, nell'altro, una reazione emotiva di qualche tipo, che andrà, in ogni caso, a riempire il suo vuoto.

Il manipolatore può creare il pretesto per avviare una discussione, soprattutto dopo periodi e momenti tranquilli e piacevoli (quando la vittima è meno preparata al ciclone che la travolgerà), con l’obiettivo di sconvolgere e confondere l’altro e continuare ad esercitare il proprio potere. La possibilità di condurre una conversazione costruttiva è ovviamente fuori discussione poiché il manipolatore afferma spesso di aver ragione, anche quando i suoi errori sono palesi.

Diversa è la situazione in cui è l'altro ad avviare il litigio, poiché in tal caso il manipolatore si sente attaccato e criticato, ma non prenderà in considerazione ciò che gli viene detto: il suo unico obiettivo è chiudere la discussione per interrompere il tumulto di rabbia e di emozioni che le critiche ricevute hanno prodotto. E lo farà in due modi: svalutando la vittima o sottoponendola alla tortura del silenzio.

La discussione con un manipolatore, in conclusione, non fa altro che confondere la vittima, che si sentirà sempre più vuota e incapace di direzionare la propria vita e la propria volontà. E il primo passo, allora, sarà discutere con sé stessi: è davvero questo ciò che vuoi?



BIBLIOGRAFIA:

McWilliams N. (1994). Psychoanalytic Diagnosis. Understanding Personality Structure in the Clinical Process. New York: Guilford (trad. it.: La diagnosi psicoanalitica: struttura della personalità e processo clinico. Roma: Astrolabio, 1999



#litigare #manipolatore #vuoto #paure #sintomi

3,717 visualizzazioni0 commenti